Atti generali

OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE CONCERNENTI GLI ATTI DI CARATTERE NORMATIVO E AMMINISTRATIVO GENERALE
Le pubbliche amministrazioni pubblicano sui propri siti istituzionali i riferimenti normativi con i relativi link alle norme di legge statale pubblicate nella banca dati «Normattiva» che ne regolano l'istituzione, l'organizzazione e l'attività. Sono altresì pubblicati le direttive, le circolari, i programmi e le istruzioni emanati dall'amministrazione e ogni atto che dispone in generale sulla organizzazione, sulle funzioni, sugli obiettivi, sui procedimenti ovvero nei quali si determina l'interpretazione di norme giuridiche che le riguardano o si dettano disposizioni per l'applicazione di esse, ivi compresi i codici di condotta.
2. Con riferimento agli statuti e alle norme di legge regionali, che regolano le funzioni, l'organizzazione e lo svolgimento delle attività di competenza dell'amministrazione, sono pubblicati gli estremi degli atti e dei testi ufficiali aggiornati.

RIFERIMENTI NORMATIVI SU ORGANIZZAZIONE E ATTIVITA'
Normattiva - portale gratuito e completo di informazione sulle leggi italiane
http://www.normattiva.it/

ATTI AMMINISTRATIVI GENERALI
L'unione di Comuni "Alta Marmilla" è un ente locale costituito da N. 20 Comuni, finalizzato all'esercizio associato di funzioni e servizi. Il suo ambito territoriale coincide con quello dei Comuni associati che la costituiscono.
L'Unione ha autonomia statutaria e potestà regolamentare e ad essa si applicano, in quanto compatibili, i principi previsti per l'ordinamento dei comuni, con particolare riguardo allo status degli amministratori, all'ordinamento finanziario e contabile, al personale e all'organizzazione.
L'Atto costitutivo e lo Statuto dell'Unione sono approvati dai consigli dei comuni partecipanti con le procedure e con la maggioranza richieste per le modifiche statutarie. Lo Statuto individua le funzioni svolte dall'Unione e le corrispondenti risorse.

CODICE DI CONDOTTA
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 129 del 4 giugno 2013, è stato pubblicato il Decreto del Presidente della Repubblica n. 62 del 16 aprile 2013 avente ad oggetto il codice di comportamento dei dipendenti pubblici, di cui all'articolo 54 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165. Il nuovo codice indica i doveri minimi di diligenza, lealtà, imparzialità e buona condotta che i pubblici dipendenti sono tenuti ad osservare.

CODICE DISCIPLINARE
In attuazione a quanto disposto dall´art. 68 del D.lgs. n. 150/2009, si pubblica il "Codice disciplinare dei dipendenti pubblici", come meglio individuato dagli artt. 55 e seguenti del D.lgs. n. 165/01 come integrato con modifiche dal già citato D.lgs. n. 150/09, recante l´indicazione delle "sanzioni disciplinari e responsabilità dei dipendenti pubblici".
Si precisa che la pubblicazione sul sito istituzionale del predetto provvedimento equivale, a tutti gli effetti, alla sua affissione all´ingresso della sede di lavoro

Sezione relativa agli atti generali, come indicato all'art. 12, c. 1,2 del d.lgs. 33/2013.